MotoGP: Argentina OK, Brasile K.O.

circuito rio hondo
motogp / 22 gennaio 2014

di Enrico Borghi

Il Sudamerica (e anche la Dorna) sogna due gran premi, ma salvo eventi eccezionali pare che per quest’anno ne avrà solo uno: il GP Argentina. Il GP Brasile è ad un passo dal forfait, a giorni è attesa anche una comunicazione della Dorna riguardo la situazione.
Il Gran Premio di Argentina continua ad essere spinto da venti potenti, cioè quelli del governo argentino e della Dorna. Domani sera, a Madrid, è previsto l’ennesimo evento in pompa magna del governo argentino che ha spedito nella capitale spagnola il ministro del turismo per presentare il Gran Premio (che si svolgerà a fine aprile) nell’ambito della FITUR, la Fiera Mondiale del Turismo. La cerimonia avrà luogo nella Casa de America. Il ministro del Turismo presenterà agli operatori turistici di tutto il mondo il Gran Premio, che deve diventare un’opportunità economica per il Paese. Termas de Rio Hondo, dove sorge il circuito (nella foto) in località Santiago del Estero, è una zona di vacanza.

Quanto al Brasile, i lavori di ristrutturazione (condizione essenziale per l’assegnazione della gara, che per ora è in programma per la fine di settembre) del vecchio autodromo di Brasilia non sono neppure iniziati. E pare che non inizieranno nemmeno, perché la società che si era incaricata di organizzare la gara non riesce a trovare il budget necessario.
In Brasile si dice che si potrebbe spostare la gara a Goiania, dove il GP è stato organizzato per anni, ma restano i soliti problemi: il circuito va ristrutturato e nessuno sa dove trovare il budget necessario.