Vivere un weekend a stretto contatto con il Team Ducati. Come sfruttarlo al meglio per Motosprint? Ne abbiamo parlato in redazione e alla fine la decisione è stata unanime. E quasi scontata, perché ricalca alla perfezione il concetto del “nuovo corso” del settimanale: provare a far emergere il lato umano, andando oltre il puro sport. L’occasione è arrivata ad Aragón, nell’ultima gara della MotoGP. Una tappa relativamente tranquilla, a livello ambientale e di impegni, per il Team Ducati. Sicuramente di più rispetto alla frenetica Misano.

Lì è nata la storia di copertina di questa settimana. Lì, grazie al grande supporto e alla pazienza di Artur Vilalta, Communications Manager del team, siamo riusciti a intervistare assieme Dovi e Petrux. Uno spaccato diverso, tra battute, risate e confessioni personali. Un mio ringraziamento particolare va ad Andrea Padovani, direttore del nostro “cugino” InMoto, per l“imbeccata”.

In copertina c’è anche Jonathan Rea. Nelle pagine dedicate alla Superbike, troverete la sua intervista esclusiva. Il Cannibale si è aperto, spiegandoci le ragioni del suo amore per la Kawasaki e delle sue scelte, raccontandoci anche il peso di questo quinto titolo. Non soltanto. Raccontando la tappa di Magny-Cours abbiamo analizzato i motivi all’origine del suo dominio e i fallimenti dei suoi rivali. Sia moto che piloti. C’è tanto altro, in questo numero. L’intervista a tu per tu con Pecco Bagnaia che svela le difficoltà dell’apprendistato in MotoGP, tre storie italiane da non perdere, il resoconto del Cross delle Nazioni, del Trial delle Nazioni e l’ultima prova del mondiale Enduro. E torna, per rimanerci in modo fisso, la sezione dedicata al prodotto. Ancora più ricca. Buona lettura!