Il quinto e ultimo round del campionato europeo di velocità in salita si disputerà in Italia, e più precisamente sui tornanti della Spoleto – Forca di Cerro. Non è la prima volta in questa stagione che la sfida continentale in salita approda nel nostro Paese: già lo scorso giugno il terzo appuntamento della serie si era disputato a Poggio Vallefredda, dopo aver fatto tappa a Landshaag, in Austria e a Chatel St Denis, in Svizzera. Ora, dopo la gara a Petit Abergement, in Francia, si torna in Italia.

Proprio in Francia sono già stati assegnati matematicamente alcuni titoli: Guido Testoni si è imposto nella classe 250 GP, Francesco Curinga (nella foto in apertura) si è laureato nella Supersport e Stefano Bonetti ha chiuso anticipatamente i conti nella Superbike. Resta da assegnare il titolo nella classe Supermoto Open, dove il leader della classifica europea è l’italiano Andrea Majola, che ha 23 punti di vantaggio sullo svizzero Philippe Bongard.  

C'E' ANCHE L'ITALIANO - “La tappa umbra” ha spiegato Daniele Cesaretti, Presidente del Club Spoleto che organizza l’evento,sarà valida come doppio round del Campionato Italiano Velocità in Salita con specialità moderne, tra cui dallo scorso anno è stata inserita anche la classe 1000 Superbike, e storiche. In abbinamento infatti anche il Trofeo Epoca, sempre promosso dalla Federazione Motociclistica Italiana”.

IL PROGRAMMA - E così, dopo il grande successo del Mondiale Enduro, il longevo Motoclub Spoleto porta nella cittadina umbra un altro evento internazionale e già da giovedì gli allestimenti hanno cambiato le connotazioni dei luoghi interessati dalla manifestazione. Oggi, venerdì, si è entrati nel vivo dell’evento con le prove libere, poi sabato e domenica qualifiche e doppia gara. Massima accessibilità per gli spettatori che potranno arrivare fin quasi alla partenza con i propri mezzi. Un parcheggio è stato già allestito nei pressi del Ponte della Caprareccia dove sono in funzione un bar e un ristorante.

Qui per maggiori informazioni.