I rumors ormai lo davano per certo come il futuro presidente della Federazione Motociclistica Internazionale, invece Wolfgang Srb ha sorpreso tutti, ritirando la sua candidatura in vista delle elezioni del 1° dicembre ad Andorra. Il suo antagonista Jorge Viegas è rimasto così l'unico candidato alla presidenza.

Considerando che l’attuale presidente Vito Ippolito non si riproporrà per un altro mandato, dopo averne già assolti tre, Jorge Viegas è matematicamente a capo della Federazione Internazionale. Dopo il comunicato ufficiale della FIM che annunciava i due candidati, non ci sono state ulteriori comunicazioni da parte dell’orniganismo internazionale, ma la notizia del ritiro di Srb si è sparsa rapidamente. Tanto che anche Speedweek.com l’ha riportata, con dovizia di dettagli sulle motivazioni ufficiose del ritiro.

I MOTIVI - Al congresso FIM in Norvegia, alcuni funzionari delle federazioni sono stati portati su un motoscafo per una breve gita sul mare. In questa occasione Wolfgang Srb sembra che sia stato sbalzato dal sedile da una forte onda e sia caduto fratturandosi il coccige. Benché non abbia riportato nessun danno neurologico alle braccia o alle gambe, la frattura si è rivelata particolarmente dolorosa e per questo Srb si sarebbe ritirato dalla scena politica. L’austriaco, infatti, ha dato le dimissioni anche dal suo ruolo di Presidente della Federazione Motociclistica Europea, che ricopriva dal luglio del 2014, dopo essere stato recentemente rieletto lo scorso luglio per un altro quadriennio.

VIEGAS PRESIDENTE FIM – Candidato per la seconda volta alla presidenza della FIM, dopo essere stato battuto 4 anni fa per una differenza di 20 voti su un totale di 113 disponibili, Jorge Viegas è un manager e un imprenditore, fondatore e presidente della Federazione Portoghese di Motociclismo, nata 23 anni fa.

Viegas ha lasciato la federazione nazionale sei anni fa per assumere il ruolo di vice-presidente della FIM. Il portoghese è stato anche uno dei membri fondatori della FIM Europe.