"Non c'è dubbio che l'Autodromo sia la struttura sportiva più importante della città e che ci rappresenti davvero in tutto il mondo", ha detto la Sindaca Manuela Sangiorgi. Ma intanto rischiava di chiudere in perdita di 200.000 euro per i divieti imposti proprio dal Comune.

Ma andiamo con ordine: nei giorni scorsi si sono avvertite pesanti tensioni fra l’Autodromo di Imola e la Giunta Comunale. La questione era quella che da tempo affligge il circuito del Santerno: il rumore:.

L'obiettivo della nuova amministrazione comunale sembrava fosse quello di ridurre in modo drastico l’attività motoristica del leggendario impianto imolese utilizzandolo per altri sport, non ritenendo necessari gli interventi di mitigazione acustica passiva. Ma – come aveva evidenziato l’Autodromo - la rilevazione dei dati fonometrici in base all’attuale sistema di monitoraggio, senza la realizzazione della barriera anti-rumore, avrebbe condizionato perfino la gestione delle attività in pista che fino a qualche tempo fa venivano considerate ordinarie.

UN INCONTRO IMPORTANTE - Grazie all’importante intervento mediatore di Giovanni Copioli, presidente di Federmoto, martedì scorso si è svolto un incontro fra la Sindaca di Imola, Manuela Sangiorgi, il Presidente di Formula Imola, Uberto Selvatico Estense, il Direttore dell’Autodromo, Roberto Marazzi, e il Presidente della Federazione Motociclistica Italiana Giovanni Copioli.

L'obiettivo era quello di riaprire un dialogo e mettere l'Autodromo al centro di una serie di attività sportive e non solo, che per Imola rappresentano un importante ritorno economico sulla città e di grande interesse a livello internazionale.

Come riportato da Il Resto del Carlino, si profila il via libera a 139 giornate di attività, quindi 30 in più rispetto quelle inizialmente previste, che avrebbero rischiato di far chiudere il 2019 l’Autodromo in perdita di altri 200mila euro. 

Nell’incontro, è stato illustrato il progetto di monitoraggio acustico dei maggiori autodromi italiani che prenderà il via prossimamente.

“Oggi abbiamo ripreso un dialogo che deve tener conto anche delle esigenze dei cittadini, ma ho trovato un nuovo spirito di collaborazione. Ho apprezzato l'intervento istituzionale della FMI e del suo Presidente e i recenti studi eseguiti in tema di impatto ambientale mi auguro possano essere utili per trovare delle soluzioni comuni", ha detto la Sindaca Manuela Sangiorgi. 

"Daremo sempre il nostro massimo supporto per trovare delle soluzioni condivise a tutela certo dello sport e del grande pubblico”, ha detto Copioli. "Ho trovato interlocutori propositivi e pronti ad un dialogo costruttivo. I nostri studi e lavori sull’impatto ambientale delle attività motoristiche sono, in questo senso, strumento davvero utile e produttivo". 

Anche Selvatico Estense si è dichiarato "soddisfatto e ottimistaal termine del summit. "Ringrazio davvero il prezioso lavoro di mediazione istituzionale che il presidente Copioli ha compiuto e dell’interesse della FMI verso il circuito”, ha detto il presidente di Formula Imola. “Con la sindaca Sangiorgi e con la Giunta si è ricucito un rapporto che credo possa portare a risultati concreti e di reciproca soddisfazione".