Zarco, cavaliere senza paura, a suo modo protagonista della domenica di Misano. Il pilota francese del Team Yamaha Tech3, dopo una prova difficile sul bagnato, è rimasto senza benzina all'ultima curva dell'ultimo giro, ma pur di finire la gara ha spinto a piedi il suo destriero fino al traguardo. Una fatica immane che lo ha fatto arrivare stremato al traguardo dove, ancora con la moto tra le mani, ha chinato la testa in segno di resa.

UN SOLO PUNTO - “E' stata una gara difficile – ha fatto sapere Johann Zarco in un comunicato stampa rilasciato dal Team Yamaha Tech 3 – ma piano piano ho visto che la pista si stava asciugando, il mio distacco da Redding era buono, così ho cercato di far bene l'ultimo giro. Ad un certo punto della gara mi sono però accorto di avere poca benzina, ho cercato di fare in modo che arrivasse fino alla fine, ma all'ultima curva è finita, così sono sceso di moto e l'ho spinta fino al traguardo ma la strada era lunga. Alla fine, altri piloti mi hanno sorpassato e questo è stato il dispiacere più grande perchè ho finito quindicesimo e mi sono portato a casa un solo punto. Va bene lo stesso, per me l'obiettivo è sempre di arrivare fino in fondo alla gara e posso dire di esserci riuscito.

LE SCUSE DI PONCHARAL - Molto dispiaciuto per quanto accaduto è Hervé Poncharal, team manager Yamaha Tech3, che severo anche con sé stesso si scusa con Zarco: ”grazie a Johann per lo sforzo che ha fatto e per essere riuscito a finire la gara spingendo la moto oltre il traguardo per aggiudicarsi un solo punto. Ha finito la benzina e a mio avviso è qualcosa di inaccetabile, dovremmo metterci seduti a tavolino con gli ingegneri Yamaha per capire cosa è successo. Mi dispiace molto per quanto accaduto a Johann e mi voglio scusare profondamente con lui per questo errore”.