Sembra ieri che i riflettori si accendevano sul GP del Quatar. Dopo le tre tappe extra europee, che toccheranno Giappone, Malesia e Australia, si tornerà in Spagna per il GP di Valencia, ultimo appuntamento in campionato. E nonostante manchi più di un mese, il circuito di Valencia ha già fatto registrare il tutto esaurito: “sarà tutto pieno - ha detto Josef Miquel Moya, Direttore Generale dello Sport durante la presentazione ufficiale del manifesto del Gran Premio Motul della Comunità valenciana - e per la prima volta siamo riusciti a vendere tutti i biglietti con sei settimane di anticipo”.

I TIFOSI CI HANNO VISTO LUNGO - Il GP di Valencia è un circuito dove si registra sempre una grande afluenza e quest'anno, più che mai, i tifosi hanno capito che l’ultima tappa offrirà sicuramente un bellissimo spettacolo. Le piste che si presenteranno ai piloti durante il trittico asiatico sono molto particolari; e non è detto che il campionato si deciderà durante queste tre settimane, dato che ci sono ben cinque piloti racchiusi in 56 punti e la battaglia è del tutto aperta. Per questo i tifosi, a sei settimane da Valencia, hanno visto bene di accaparrarsi un biglietto per essere lì quando si decideranno i giochi.

NOVITÀ IN PROGRAMMA - Gli organizzatori non si faranno certo cogliere impreparati dal tanto pubblico previsto nel week end 10-12 novembre, tanto che hanno pensato a delle novità davvero molto utili. Durante il fine settimana, gli spettatori potranno scaricare un'applicazione sul cellulare studiata ad hoc per l'occasione, grazie alla quale saranno sempre aggiornati su tutte le informazioni relative all'evento e su quanto accade in pista; l’APP potrà inoltre servire anche come supporto per ascoltare la diretta trasmessa dagli altoparlanti. A fine gara di Motogp, poi, i tifosi come ogni anno potranno entrare in pista per assistere alle premiazioni.

PER BARBERA L'ULTIMO CIRCUITO CON LA MOTOGP - Hector Barbera, che è stato chiamato a partecipare all'incontro di presentazione del circuito della Comunità valenciana insieme ad Aron Canet e Jorge Navarro, ha così commentato quella che sarà la sua ultima gara in Motogp dato che dal prossimo anno affronterà il campionato Moto2: “andiamo a dare un cambiamento dopo 8 anni, questa sarà la mia ultima gara in Motogp e mi piacerebbe ottenere un buon risultato. Grazie a tutti coloro che hanno reso tutto questo mio tempo possibile”.

NAVARRO FIDUCIOSO PER IL GP DI CASA - E proprio in Moto2, categoria che nel 2018 vedrà arrivare diversi piloti dalla Motogp, lo spagnolo Jorge Navarro si sente fiducioso nell'affrontare il GP di casa: “vengo dal mio miglior risultato ottenuto ad Aragon e quindi anche da una rimonta di punti in classifica, quindi vediamo come andrà il trittico asiatico, ma per Valencia ho voglia di far bene e di approfittare del fatto che per me rappresenta il circuito di casa”.

VINCERE A VALENCIA IL SOGNO DI CANET - Anche per il pilotino di Moto3 Aron Canet, quello spagnolo sarà un circuito atteso con molto entusiasmo. Il pilota che si trova al momento terzo in classifica seppur con un distacco di 98 punti dal capolista Joan Mir, ci tiene a concludere bene il campionato e sogna la vittoria: “visto che non posso competere per il titolo, vorrei almeno vincere a Valencia, sarebbe un sogno dato che è il mio circuito di casa dove ci sono tutti i miei tifosi”.