Dopo la grande delusione dovuta al ritiro dalla classe Moto3 da parte del suo team, Maria Herrera, pilota spagnola e unica rappresentante femminile all'interno del motomondiale, adesso è in cerca di una nuova sistemazione.

IL RITIRO – La notizia del ritiro da parte del team AGR con cui correvano la spagnola e il pilota americano Joe Roberts è arrivata subito dopo il GP di Aragon. Dal team hanno fatto sapere che per problemi economici e mancanza di risultati, non avrebbero potuto affrontare le tappe che mancavano fino alla fine del campionato. Così i due piloti sono rimasti “a piedi” ed è stata proprio la Herrera in un post pubbliato sui social network subito dopo la decisone, a spiegare il suo grande dispiacere ma anche il disappunto per il fatto che si, durante l'anno le cose non erano andate tutte nel verso giusto, ma che non era corretto neppure scaricare la colpa sui piloti.

IL FUTURO - In un'intervista a Radio Marca, ha raccontato la sua situazione attuale e ciò che spera di ottenere per il 2018: “preferirei correre nel Mondiale Junior di Moto3 perchè penso di avere più potenziale per gareggiare qui, ma sto ricevendo alcune offerte anche per la Superbike, quindi valuterò”. Certo, Herrer, ma a meno che non arrivi una nuova proposta da parte di un altro team, sarà difficile, date le difficoltà economiche, che AGR possa iscriversi nuovamente alla Moto3 e Moto2. Intanto, la Herrera avrà un po' di tempo per valutare le varie opzioni per il 2018.