Riprendono a scaldarsi i motori in Motogp in attesa della fatidica data del 18 marzo, quando ripartirà il Campionato del mondo. Intanto, il primo annuncio dell'anno in merito ai prossimi test privati che si svolgeranno a Sepang dal 24 al 26 gennaio lo ha fatto l'HRC che ha chiamato Stefan Bradl a rapporto come collaudatore. A rivelarlo è il magazine Speedweek.com che, oltre a quelli del team Honda, ha svelato tutti i collaudatori del 2018 di Motogp. 

LA SCELTA DELLA CASA ALATA Per Stefan Bradl, pilota di Superbike del team Honda che ha chiuso il 2017 in anticipo a causa di un infortunio, quella dei test di fine gennaio sarà un'ottima occasione per provare la nuova RC213V in veste di collaudatore ufficiale della casa alata. Il pilota tedesco, vincitore del titolo in Moto2 nel 2011 ha avuto una vita abbastanza travagliata in Motogp: prima, ha fatto parte del team LCR in sella alla Honda ottenendo come miglior risultato un secondo posto a Laguna Seca nel 2013, poi è passato al team Forward e al team Aprilia dove però non si è trovato a suo agio decidendo quindi di intraprendere la strada della Superbike. Insieme a lui in Malesia scenderanno in pista anche gli altri due tester, Hiroshi Aoyama e Takumi Takahashi.

GLI ALTRI TESTER Oltre che per la casa giapponese vincitrice del campionato del mondo 2017, Sepang sarà un banco di prova importante per provare i nuovi prototipi 2018 anche da parte di tutti gli altri team. Yamaha schiererà ben cinque piloti: Keisuke Madea, Takuya Fujita, Masahiko Itawa, Katsuyuki Nakasuga e Kohta Nozane, con gli ultimi due che oltre ai test privati del 24-26 gennaio, parteciperanno anche a quelli IRTA che si svolgeranno sempre a Sepang. Per la Ducati sono stati riconfermati ancora Casey Stoner e Michele Pirro che nel 2017 hanno svolto un grande lavoro, mentre per la Suzuki scenderà in pista il 35enne Sylvain Guintoli. Infine, Matteo Baiocco sarà il collaudatore del team Aprilia Racing e Mika Kallio, come già accaduto nel 2017 sarà il tester Red Bull KTM.