A partire dalla stagione 2018, nelle tre classi del MotoGP, sarà obbligatorio l’uso di tute dotate di airbag. In ogni sessione, tutti i piloti titolari dovranno vestire questo sistema di protezione e le uniche eccezioni potranno essere rappresentate dalle wild card e dai sostituti ma solo nei primi due GP a cui prenderanno parte. Dopo di questi due eventi ‘di tolleranza’ anche per loro scatterà l’obbligo.

MISURE - È stato stabilito che questo tipo di protezione dovrà coprire almeno le spalle, le clavicole e parzialmente o totalmente la colonna vertebrale. La copertura di tutta la schiena deve invece essere associata a quella di tutta la spina dorsale. Sono tollerate piccole differenze tra gli airbag, date dalla diversità di struttura fisica di ogni pilota ma ogni costruttore dovrà seguire una linea comune per la produzione. Infine, nessun sistema di protezione deve essere integrato con la moto e deve essere attivato a prescindere della posizione in sella. Ogni costruttore deve certificare il proprio sistema in modo ufficiale dopo che questo sia stato testato in prove specifiche.