Venti giorni fa avevamo tratteggiato i possibili identikit dei piloti della neonata Coppa del Mondo di MotoE, la categoria delle moto elettriche che debutterà il prossimo anno con cinque appuntamenti iridati: Jerez, Le Mans, Sachsenring, Red Bull Ring e Misano. E a poche settimane dai primi test ufficiali, che saranno dal 23 al 25 novembre a Jerez, la griglia prende forma. Con piloti bocciati dalla MotoGP, veterani in cerca di rilancio e piloti che inseguono l'occasione per mettere un piede nell'ambito del Motomondiale, visto che si correrà di domenica mattina, tra i warm up e la gara della Moto3.

Retromarcia: i casi limite sono quelli di Xavier Simeon e, probabilmente, Bradley Smith. Il belga rimarrà con Avintia, dove però non continuerà in MotoGP – le due Ducati del team saranno guidate da Tito Rabat e Karel Abraham – ma andrà tra le elettriche, affiancato da Eric Granado, che cerca il rilancio dopo la bocciatura in Moto2 con Forward. Bradley Smith dovrebbe affiancare il ruolo di collaudatore Aprilia a quello di pilota di MotoE del Team Petronas. Sarà un modo per non perdere tono agonistico, anche se è innegabile il salto indietro per un pilota che nel 2015 era stato sesto nel Mondiale in MotoGP, dominando la classifica dei piloti satellite. Tra i veterani si segnalano Alex De Angelis, che nel Team Pramac farà coppia con l'australiano Joshua Hook, campione del Mondo di Endurance, e Randy De Puniet, nel team di Lucio Cecchinello.

Trampolino: c'è anche chi cerca l'occasione per lanciarsi. È bizzarro il caso dello svizzero Jesko Raffin, futuro pilota Dynavolt in MotoE: utilizzato come collaudatore Kalex per i nuovi motori Triumph che equipaggeranno le Moto2, Raffin è stato spesso brillante quando è stato chiamato a disputare i GP. Domenica, per esempio, è stato ottavo nella cilindrata di mezzo, precedendo Fabio Quartararo, che aveva vinto a Motegi salvo incorrere in una squalifica, e i contendenti per il titolo Miguel Oliveira e Pecco Bagnaia. Ci sarà Maria Herrera, che dopo l'esperienza in Supersport 300 tornerà nel Circus con la MotoE del Team Angel Nieto, dove affiancherà l'ex iridato 125 Nico Terol. Lo spagnolo non sarà però l'unico campione del Mondo della Velocità presente, dato che Mike Di Meglio – iridato in 125 nel 2008 prima di vincere nell'Endurance con la Yamaha accanto a Niccolò Canepa – dovrebbe essere la scelta di Marc VDS. Sarà con questi nomi che prenderà il via il primo campionato, con gare-sprint, moto fornite tutte dalla modenese Energica e con la partnership di Enel: basterà per catturare l'attenzione?