Esiste l'anti-Marquez, dopo tre titoli consecutivi e cinque nelle ultime sei stagioni di MotoGP conquistati tutti in sella alla Honda? E se esiste l'anti-Marquez, di chi si tratta? È questo il tema del sondaggio che Motosprint propone in vista di un 2019 in cui il catalano cercherà di salire a quota otto Mondiali. 

Minaccia italiana: Andrea Dovizioso è stato due volte vice campione del Mondo, supportato da una Ducati che a detta dello stesso Marquez è diventata una vera minaccia. Il forlivese ha vinto dieci GP nelle ultime due annate e sembra pronto per compiere l'ultimo salto. Ma l'Italia è ambiziosa anche con Valentino Rossi, uno dei soli due piloti – l'altro è stato Jorge Lorenzo – a precedere Marquez in un Mondiale della MotoGP, nel 2015. A quasi 40 anni, il Dottore insegue la Decima e vuole riscattare la prima annata con la Yamaha senza successi. 

Derby: ma le insidie arriveranno anche, se non soprattutto, da chi è più vicino a Marquez. Si parla a livello geografico, con l'altro catalano Maverick Viñales, tornato a quel numero 12 sul cupolino come ai tempi delle Minimoto, quando aveva duellato (e vinto…) proprio contro Marquez. Ed è impossibile infine non citare Jorge Lorenzo, il nuovo compagno di team di Marc, voluto dallo stesso campione del Mondo: «Saremo pistola contro pistola e non pistola contro mitraglietta» ha detto Marquez, spaventato dal potenziale del pacchetto Lorenzo-Ducati e più tranquillo di fronte alla possibilità di sfidare Jorge ad armi pari.