ARAGON - Ancora una volta gli spagnoli hanno regalato un grande spettacolo, ognuno con la sua diversa strategia ed approccio alla gara. Jorge sembrava essere andato via un altra volta al primo giro, dopo una partenza mozzafiato che lo ha visto conquistare un secondo di vantaggio sulle Honda nel corso del primo giro. Ma i piloti Repsol non ci sono stati e ci hanno messo poco a prendergli le misure e rifarsi sotto, ma poi c'è stato un contatto tra i due e Marc è andato a toccare il sensore del trattino contro di Pedrosa, facendogli erogare tutta la potenza della HRC che ha portato Dani a cadere rovinosamente facendosi anche male. Marquez invece è solo andato lungo, rientrado in pista più agguerrito che mai per andare a riprendere Lorenzo, che vedendolo arrivare a tutta velocità non ha potuto fare altro che lasciarlo passare sperando di riprenderlo in un secondo momento. Ma il leader del mondiale non ne ha voluto neanche sentir parlare e si è preso la vittoria con i denti, raggiungendo un vantaggio di 39 punti, che viste le sole quattro gare rimaste sembrano essere un bottino davvero prezioso. Buono il week-end di Rossi, che dopo una buona qualifica ed un ottimo warm-up ha concluso in terza posizione dopo una bellissima bagarre con Bautista e Bradl che lo ha visto uscirne vincitore all'ultimo giro. classifica-motogp-oggi