Mentre il compagno di squadra Jorge Lorenzo metteva in scena la sua tattica preferita, ossia la fuga solitaria a suon di tempi, Valentino Rossi a Le Mans era protagonista di una bella rimonta che gli ha fruttato il 2° posto e punti importanti in ottica campionato. Scattato (maluccio) dalla settima posizione, il pesarese è riuscito a passare Marquez e Dovizioso prima che entrambi scivolassero simultaneamente alla curva 7, ma nulla ha potuto contro il compagno di team e ha tagliato il traguardo con un distacco di 10.654s guadagnando punti preziosi che gli consentono di portarsi a 78 punti guadagnando terreno in classifica generale su Marquez, secondo con 85 punti dietro al leader Lorenzo, portatosi a quota 90. Al termine della gara il Dottore non ha nascosto i propri demeriti né il miglior ritmo del compagno di squadra: "E' stata una gara difficile, ho perso tempo in partenza ma poi ho capito di essere più veloce di Marquez e Dovizioso e così li ho passati velocemente. Quando mi sono ritrovato secondo, però, Lorenzo era lontano e in più aveva un passo migliore… Dopo un week-end difficile, ho conquistato 20 punti importanti per il podio. In prova è stata colpa mia, ci siamo giocati il venerdì dietro una gomma che poi non si è rivelata efficace, ho commesso due errori in qualifica che ci sono costati la prima o la seconda fila e anche in partenza ho sbagliato ma poi ho mantenuto la calma ed è arrivato il risultato. In campionato siamo tutti vicini ed è bello così. Volevo dire (ridendo e “scimmiottando” la dichiarazione post Jerez di Lorenzo, n.d.r.) che se la gomma non avesse “spinnato” sul rettilineo, oggi avrei vinto a mani basse… scherzi a parte, Lorenzo qui va sempre forte, ha lavorato bene e oggi ne aveva in più. Ma io ho fatto giro veloce, quindi ho vinto una piadina…”.