Jorge Lorenzo non partirà come favorito per il titolo mondiale del 2017. Passato alla Ducati dopo la lunga esperienza con la Yamaha, il maiorchino in queste prime battute pre-stagionali sta faticando a trovare il giusto “feeling” con la nuova versione della Desmosedici ma ha dalla sua… l’albo d’oro. Neanche Casey Stoner, dieci anni fa, partì con i favori del pronostico in sella alla Ducati ma alla fine della stagione riuscì a festeggiare un titolo inaspettato. “Ad essere onesti l’ultima parte di quella stagione è stata molto particolare – dice Stoner, ora collaudatore Ducati per la MotoGP e “consigliere” di Lorenzo al box - sono passato dall’essere quasi sconosciuto ad essere il pilota del momento con tutte le aspettative e le pressioni che questo porta”.

LUI RISPETTA TUTTI GLI AVVERSARI – Su Lorenzo, l’australiano ha il suo punto di vista che si è evoluto notevolmente dai primi approcci di quando erano rivali in pista. “Jorge ha imparato tanto in questi anni – continua Casey - all’inizio non amavo il suo carattere e per me era un avversario. Ma ho cambiato completamente punto di vista su di lui conoscendolo. Una questione di rispetto reciproco, data dal fatto che lui rispetta tutti i suoi avversari, al di là dei risultati palesi, che vinca o che perda. Per questo è un grande campione”.