"Nei primi giri ero un pò più lento degli altri piloti, ma poi le cose hanno cominciato a funzionare", spiega Aleix Espargarò raccontanto le prime fasi del GP di Argentina. "Proprio mentre stavo iniziando ad aumentare il mio ritmo e mi ero avvicinato al gruppo, ho visto Dovi fuori traiettoria e mi sono inserito".

Aleix Espargarò è stato protagonista di un'ottima gara che ha confermato il suo affiatamento con l'Aprilia RS-GP e il nuovo livello di competitività raggiunta dalla Casa di Noale in MotoGP. Peccato, però, per il doppio ritiro. Quando si stava ripetendo l'azione già vista in Qatar, con Espargarò in rimonta sugli avversari nella seconda parte della corsa, una scivolata nel corso del 15esimo giro ha tolto di scena il pilota spagnolo.

DOVIZIOSO INCOLPEVOLE - La caduta ha causato anche il ritiro di Andrea Dovizioso, colpito dalla moto del pilota Aprilia. 

"Purtroppo ho dovuto frenare forte e ho perso l'anteriore", dice Espargarò. "Mi dispiace molto sia per la squadra che per Andrea, rimasto coinvolto suo malgrado nella mia scivolata. Peccato perché nella seconda parte di gara potevamo fare bene, ora andiamo ad Austin per confermare i nostri progressi”.

IL RITIRO DI SAM LOWES - Gara conclusa anzitempo anche da Sam Lowes, costretto al ritiro a causa di un problema al cambio.

"All'inizio ho perso qualche metro ma stavo recuperando, riuscivo a girare con un buon ritmo e stavo per raggiungere la zona che lottava per i punti. Ho avuto un problema alla selezione delle marce e sono dovuto rientrare ai box, ma questo è stato per me un buon weekend”, conclude Sam Lowes.