Alla conferenza stampa dei piloti a Le Mans sin dalle prime battute il pensiero a Nicky Hayden; il pilota WorldSBK e campione del mondo MotoGP 2006 è ricoverato all’ospedale Bufalini di Cesena dopo l’incidente di mercoledì 17 maggio. Le sue condizioni sono molto gravi e il primo appuntamento del GP transalpino è segnato da quanto accaduto al pilota americano.

All’appuntamento con i giornalisti ci sono Valentino Rossi, Marc Marquez e Dani Pedrosa, Johann Zarco, Loris Baz e Jorge Lorenzo.

VALENTINO ROSSI - “Una notizia bruttissima, difficile realizzare”, dice il leader della classifica iridata parlando di Hayden. “Nicky è un grande pilota ma soprattutto una grande persona, è una cosa molto triste”, Rossi commenta la recente gara in Spagna e le difficoltà incontrate. “A Jerez è stato un fine settimana con un risultato inaspettato se pensiamo alla stagione scorsa (Rossi ne uscì vittorioso, ndr). Per fortuna abbiamo ancora un po’ di vantaggio dalle Honda”.

Rossi conclude parlando di Le Mans e del fattore climatico che, come sempre a questo appuntamento, è una variabile importante. “In passato abbiamo fatto delle belle gare in Francia, il fatto è che le previsioni parlano di poggia e dovremo dare il massimo anche in quelle condizioni”. Il pesarese ha infine valutato positivamente anche la nuova asfaltatura della pista transalpina.

MARC MARQUEZ - “A Jerez è stata una grande sorpresa per noi”. Dice Marquez. Il pronostico andaluso che vedeva le Yamaha favorite rispetto alle Honda ma è stato ribaltato dalla doppietta HRC con Marquez dietro al vincitore Pedrosa. “Non è stato il mio migliore fine settimana ma è andata bene. Qui a Le Mans è un punto interrogativo visto che quest’anno è tutto diverso anche a causa del nuovo asfalto".

"Delle Honda ha provato Cal Crutchlow e spero che avremo delle belle sensazioni", continua Marquez. "Mi piace questo circuito e spero di arrivare sul podio”.

Marquez ha ricordato quando recentemente, al GP d’Australia 2016, ha diviso il box con Hayden subentrato all’infortunato Dani Pedrosa. “Una grande persona, ho dei bellissimi ricordi in quell’occasione come compagni di scuderia; siamo, come ha detto Valentino, tutti molto abbattuti”.

DANI PEDROSA -  “Abbiamo fatto dei buoni test e possiamo partire con le sensazioni migliori", ha detto il vincitore di Jerez. "Domani sarà di pioggia e dovremo lavorare passo dopo passo. Non è facile fare dei buoni risultati, le Yamaha storicamente sono forti qui e dovremo capire molte cose”.

JOHANN ZARCO - “A Jerez ho fatto una bella gara”, dice il pilota di casa, portacolori della Yamaha satellite e autore di un sorprendente inizio da rookie in MotoGP. “Ed è stata una bellissima sensazione vedere tanti fan francesi oggi, io credo che il mio paese debba parlare ancora di più di moto”. Zarco ha preso in esame l’ottima gara della Yamaha nel 2016 che ha fatto primo e secondo dichiarandosi speranzoso di poter migliorare.

LORIS BAZ - il GP di casa è speciale: “Venivo qui da piccolino, ho dei bei ricordi. Ma la mia moto può essere competitiva. Ho un nuovo capo meccanico e stiamo lavorando bene insieme. Cercheremo le migliori sensazioni e il miglior passo da subito”.

JORGE LORENZO - E' il vincitore della scorsa edizione a a Le Mans e a Jerez  è salito per la prima volta sul podio con la Ducati. “L’anno scorso la mia moto è stata competitiva con Iannone e Dovizioso che sono stati con i primi, a me questa pista piace, le condizioni per far bene ci sono; l’asfalto è nuovo ma potrebbe piovere”. Commenta i suoi avvii in sella alla Ducati, “Non è il mio modo di iniziare le gare, recuperare posizioni dopo la partenza, ma adesso ho delle sensazioni molto più positive in moto”.

Lorenzo, alla fine, ha parlato dei test privati fatti di recente al Mugello, “Ci sono serviti in vista dell’impegno casalingo, abbiamo accumulato chilometri per fare bene nella nostra gara di casa”.