Nelle prove, venerdì e sabato, non aveva dimostrato di avere la velocità del compagno di squadra. E invece, ancora, una volta, Daniel Pedrosa è venuto fuori alla distanza. Partito bene dalla griglia, è riuscito a fare la differenza quando ha trovato il suo passo, da metà gara in poi. Sbarazzatosi di Lorenzo e della compagnia delle due Yamaha ufficiali, Dani si è messo poi a caccia di Marquez e di Dovizioso, arrivando nella loro scia anche grazie alla battaglia (senza esclusione di colpi) tra i due. Il forcing nel finale non è bastato per giocarsi la vittoria a causa dell’usura della gomma posteriore sfruttata al massimo nella progressione ma è servito per assicurarsi il terzo podio consecutivo.

“Nel complesso è stato un week-end difficile ma alla fine ho portato a casa un gran risultato – spiega Dani – in partenza ho faticato, ho preso un po’ di tempo per far sfogare gli altri e per scaldare bene le gomme e poi, quando ho trovato il mio ritmo, ho fatto qualche bel sorpasso e, aiutato anche dagli errori degli altri, ho centrato il terzo posto. La vittoria? Ci ho pensato quando sono arrivato sotto ai primi due ma avevo il posteriore finito”.