"Dopo il mio ritorno ad Aragón ho lavorato duramente al recupero. Mi sono concentrato sulla riabilitazione nelle due settimane successive perché adesso abbiamo tre gare di fila e sarà importante affrontarle nella miglior condizione", dichiara Valentino Rossi alla vigilia del "triplete".

Quella di Motegi è una tappa importante, che servirà per capire la condizione del portacolori Movistar Yamaha dopo l'infortunio a fine agosto. Il rapporto di Rossi con la pista giapponese, poi, è sempre stato speciale.

QUANDO ERA ROSSIFUMI... - Molti ricorderanno che Rossi ha sempre dichiarato di aver ‘studiato’ dai piloti giapponesi e il Valentino della 250cc che fu ‘Rossifumi’ in onore a Norifumi Abe, pilota Yamaha della classe regina scomparso nel 2007. A lui Rossi ha dedicato anche la vittoria iridata del 2008, l’ottava in carriera, dopo il successo proprio in Giappone.

"Ho fatto il massimo per arrivare pronto a Motegi, questo è il GP più importante per Yamaha", aggiunge Rossi. "Mi piace molto questa pista e sono contento di essere qui. Darò tutto per fare il miglior risultato possibile”.

Il tracciato di Motegi è stato teatro di alcune delle grandi imprese di Rossi, che ha vinto nel 2001 e nel 2008 accumulando una lunga fila di secondi posti e due terzi nel 2010 e nel 2014.