Romano Fenati vince il GP del Giappone caratterizzato da condizioni difficili di pista a causa della pioggia. Dietro al portacolori Marinelli Rivacold gli altri due azzurri, Niccolò Antonelli (Red Bull KTM Ajo) e Marco Bezzecchi (CIP Mahindra). Joan Mir (Leopard Racing) cede il passo e non dà la stoccata finale in campionato.

IL RISCHIO PAGA - Non il massimo la partenza di Bulega, che dopo il via perde molte posizioni e terminerà come dodicesimo davanti al compagno di box Andrea Migno. Il migliore in partenza è invece Fenati che si mette subito in scia alla KTM numero 23 di Antonelli. La lotta tra i due anima i primi passaggi fino a che l’ascolano ha la meglio su Antonelli e allunga. Fenati, prendendosi una buona dose di rischio, si stacca sempre di più gli inseguitori e taglia il traguardo per primo. È un altro grande successo per il numero 5 che riduce il suo gap in campionato da Mir. Bella prova per Antonelli, che centra un risultato nelle posizioni che contano in questa stagione, l’ultima con la Casa austriaca.

CAMPIONATO APERTO - Il leader di campionato, Mir, ha dovuto iniziare la sua gara in fondo al rettilineo di partenza a causa della penalità rimediata ad Aragón. Il leader iridato termina la prima prova del triplete al diciassettesimo posto, per la prima volta in questa stagione senza raccogliere punti e non mettendo la parola fine al campionato dove resta però primo a +55 da Fenati. Canet segue da vicino provando a non commettere errori sulla pista allagata ma non ha il passo dei primi e chiude come quinto dietro a Tatsuki Suzuki (Sic58 Squadra Corse).

BEZZECCHI, CHE GIOIA! - A proposito di “triplette”, gara da ricordare per Marco Bezzecchi. Il giovane pilota del team CIP Mahindra, dopo aver fatto bene per tutte le sessioni fino alla gara resta costantemente all’inseguimento dei primi. A cinque giri dalla fine il romagnolo centra l’ultimo gradino del podio. Per il rookie su moto italo – indiana il primo in carriera e per Mahindra il primo della stagione. Con Fenati e Antonelli completa una tripletta che non si vedeva da Losail. Settimo Fabio Di Giannantonio (Del Conca Gresini) che rimedia un fine settimana iniziato male entrando nella top 10.