“Ho provato a dare il massimo e a lottare”, dice Cal Crutchlow dopo il ritiro dal GP di Motegi, che lo ha lasciato con l'amaro in bocca.

Il pilota del Team Honda LCR, infatti, è stato protagonista di due cadute e non è mai entrato nel gruppo dei più veloci su una pista che ha offerto asfalto bagnato da venerdì a domenica.

Crutchlow è partito addirittura dalla quinta fila.

DUE CADUTE - “La prima caduta è stata in staccata, ho cambiato la moto al box e anche se la mia prova era compromessa ho provato a recuperare”, spiega il britannico.

“Vedendo che non sarei riuscito a fare meglio ho abbassato il ritmo e la seconda caduta è stata inspiegabile visto che non stavo forzando", aggiunge Crutchlow.

“Ora devo solo pensare a Phillip Island, dove l’anno scorso vinsi”, conclude il pilota del team di Lucio Cecchinello, facendo riferimento alla prossima gara del triplete.