I primi test dell'anno per la Honda possono chiudersi con il segno più. Tre giorni intensi che hanno visto Dani Pedrosa trovarsi ancora una volta a suo agio sul tracciato della Malesia sia in condizioni di asciutto che di bagnato. Un po' più attardato il compagno di squadra e campione del mondo Marc Marquez, rimasto sempre nella top ten ma senza stupire troppo.
Lo spagnolo con il numero 93 escludendo la prima giornata di pioggia in cui i piloti hanno girato in tempi più alti, tra ieri e oggi ha provato ad effettuare più giri possibili senza cercare l'attacco al tempo. Nei tre giorni a disposizione, Honda ha lavorato sul nuovo telaio alato, sul nuovo motore e sul setup e i piloti hanno avuto a dispisizione tre prototipi ciascuno. Molto bene ha girato anche Cal Crutchlow (Lcr Honda) che nella giornata di oggi ha fatto registrare il terzo miglior tempo.

L'ANALISI DI MARC MARQUEZ “Oggi sono molto contento, perché abbiamo lavorato molto e abbastanza bene.  - ha dichiarato il pilota di Cervera - Abbiamo anche fatto un'esercitazione di circa 15 giri verso le 15 del pomeriggio, quando la temperatura della pista era più alta, e il nostro ritmo è stato buono. Nel pomeriggio abbiamo continuato a provare diverse cose e alla fine non ho fatto un vero e proprio tentativo veloce, ma mi sono sentito molto bene con la moto. Per il momento vogliamo controllare meglio la nuova aerodinamica, anche su un altro circuito, perché vogliamo fare la scelta giusta. D'altro canto, credo che abbiamo fatto un ottimo lavoro al motore, anche se non è ancora regolato al cento per cento. In generale, credo che Dani, Cal ed io stiamo lavorando in modo un po' diverso e abbiamo ottenuto molte informazioni, che saranno molto utili per Honda per preparare una buona base.”

BELLE SENSAZIONI PER PEDROSA - "Credo che abbiamo fatto un ultimo giorno di allenamenti positivi e in generale è stato un buon test. - ha detto Dani Pedrosa - La squadra ha fatto un ottimo lavoro e ha pianificato bene le prove previste ogni giorno. Oggi abbiamo montato il meglio che abbiamo provato nei due giorni passati e mi sono concentrato tanto sulla velocità migliorando sul giro veloce. Abbiamo lavorato sul motore, l'aerodinamica, le sospensioni e le gomme sia con la mescola morbida che dura. Possiamo dire che abbiamo affrontato più o meno tutte le aree della messa a punto e in generale abbiamo buone sensazioni e abbiamo ottenuto molti dati. Ora abbiamo voglia di confermare tutto anche su altre piste.”