Dopo la qualifica “bomba” di sabato in cui aveva conquistato la pole position stracciando il record della pista di Jorge Lorenzo, il francese Johann Zarco era balzato in testa alla lista dei favoriti per la gara, ma la mancanza di esperienza di questo pilota al suo secondo anno in Motogp lo ha colto impreparato, come del resto aveva dimostrato anche lo scorso anno in alcune competizioni.
Ma Zarco è sicuramente un pilota di grande talento, e se la prima gara di stagione è finita con un ottavo posto, avrà modo di rifarsi nei prossimi circuiti.
A fare bene è stato però anche il novellino Hafizh Syahrin che ricordiamo è approdato al team satellite Yamaha da pochissimi mesi e che quello di ieri era il suo esordio nella classe regina: per lui un quattordicesimo posto di tutto rispetto.

PROBLEMI PER ZARCO – Partito da subito velocissimo, il pilota francese del team Tech3 è riuscito a rimanere davanti per ben 17 giri, nonostante fosse tallonato prima da Marc Marquez e poi da Andrea Dovizioso.
Zarco è stato però tradito dalle gomme che ha stressato troppo fin da subito e che superata la metà gara, quando c'era da spingere veramente, lo hanno abbandonato: ”ho passato un bel weekend! - commenta - la gara è stata buona. Partire dalla pole position è stata una grande sensazione e una buona opportunità per lottare con i migliori. Ho fatto una bella partenza portandomi davanti a tutti perché volevo guidare la gara e poi ero abbastanza tranquillo, non potevo essere più veloce degli altri, ma nessuno mi ha superato.”
“Poi, a sette giri dalla fine,  - prosegue - ho provato a spingere un po' di più per creare un vuoto dietro di me, ma già durante la gara ho avuto un po' di limiti dalla gomme anteriore. Quando gli altri piloti mi hanno superato a cinque giri dalla fine, ho davvero capito che non ero più in grado di usare la gomma anteriore sul lato destro nel modo corretto, ed è per questo che non ho potuto combattere. E' stato molto difficile, alcune volte, sono quasi caduto e finire ottavo, alla fine, è stato meglio di niente perché in queste condizioni, è bello poter comunque arrivare a finire la gara.”

ESORDIO SYAHRIN - Il Team di Hervé Poncharal può dirsi soddisfatto del primo weekend di gara, e anche se Zarco aveva fatto credere di poter fare molto di più, di certo quello che ha sorpreso più di tutti è stato il pilota malese Syahrin che nella sua prima gara di carriera in MotoGP ha conquistato un buon quattordicesimo posto e due punti in classifica generale: ”mi sono sentito davvero bene in gara. - ha detto - Voglio dire un enorme grazie alla mia squadra, perché hanno fatto un ottimo lavoro. Ho terminato la mia prima gara in MotoGP conquistando dei punti, che era anche oltre il mio obiettivo, ma quando ci metti il massimo impegno è possibile che accada. A circa sette giri dalla fine ho cambiato la potenza della moto e quattro giri dopo, sono tornato indietro.Questo fa parte del mio apprendimento per capire l'elettronica. Ero un po' nervoso in gara, non volevo sbagliare e finire nella ghiaia. Spero di poter migliorare di più nella prossima gara e continuerò ad allenarmi duramente per essere più pronto possibile.”