Albert Puig è approdato in Honda come team manager soltanto da poco, ma ieri, dopo tutto il caos scoppiato nel Gp di Argentina, ha dato un grande assaggio di ciò che significa essere il team manager di un pilota come lo è Marc Marquez. E proprio di questo ha parlato a Speedweek.com in un'intervista in cui ha difeso lo spagnolo con il numero 93 e spiegato ancora una volta quanto accaduto.

GIORNATA DIFFICILE - "Penso che sia stata una giornata davvero complicata per Marc.spiega Puig - "Da quanto ho capito, non era sicuro di cosa stesse succedendo in griglia di partenza. Non succede quasi mai che il motore si spenga. Questo contrattempo è stato il punto di partenza, seguito da una serie di circostanze che hanno complicato tutto. Certo, il pilota agisce come crede: immaginate di essere nella posizione di partenza, il motore muore, dietro di voi ci sono 20 piloti pronti a scattare. In tal caso, vuoi metterti in sicurezza, giusto? Così Marc è ritornato nella sua posizione. Nessuno poi lo ha rimosso dal suo posto di partenza".

??INCIDENTI DI PERCORSO – Il team manager Honda si sofferma poi a parlare dei due scontri di Marquez ai danni di Aleix Espargarò e successivamente di Rossi: "Marc ha spiegato bene cosa è successo con Aleix. Per quanto riguarda Valentino, sembra che Marc abbia bloccato la ruota anteriore. Marc ha dovuto rilasciare il freno, aveva un po 'di spazio, e se guardiamo la scena in tv si vede che non era davvero al limite. Sfortunatamente Marc lo ha toccato a causa del problema con l'acqua. Vale poi è caduto sull'erba. Consideriamo questo come un incidente, che ci dispiace molto".

LA RISPOSTA ALLE ACCUSE DI ROSSI - "Penso che Valentino abbia abbastanza esperienza, - conclude Puig relativamente alle accuse mosse da Rossi nei confronti di Marquez - è un pilota, sa che queste cose possono accadere, specialmente in condizioni così difficili. Siamo molto dispiaciuti per quello che è successo. Ma il nostro pilota non ha perso il controllo. Le condizioni erano solo difficili e complicate. Come ex pilota di corse, posso immaginare che il team Yamaha non sia felice. Ma può succedere. Ovviamente noi crediamo alle dichiarazioni del nostro pilota”.???