Sulla pista toscana del Mugello, il pilota del Team Suzuki Ecstar è stato velocissimo per tutto il fine settimana, segnando il primato in qualifica e nel warm up ma in gara non è riuscito a tenere il passo dei migliori con il passare dei giri.

“Sinceramente speravo in un podio”, dichiara Andrea Iannone dopo il suo quarto posto al Mugello. Il commento dopo la bandiera a scacchi lascia trasparire l’amarezza per una gara che avrebbe potuto essere diversa.

Nella lotta per il podio Valentino Rossi lo ha sopravanzato e Iannone è riuscito a malapena a difendere la quarta posizione dal compagno di scuderia Alex Rins, che si è piazzato alle sue spalle per soli 0,2s.

I capricci dell’elettronica - “Il calo della gomma è stato importante”, prosegue Iannone. “Non riusciamo a gestire ancora bene lo slide e lo spin. L’elettronica non ci aiuta ancora al 100% e anche quando cambiamo le mappe non troviamo un vantaggio ma continuiamo a subire il calo della gomma; cose che durante una gara si pagano. Qui ho dato il massimo per tenere il quarto posto”.

Iannone è già proiettato verso il prossimo round. “Proveremo a fare qualche cosa di meglio a Barcellona e vediamo come finirà”, conclude.