Quasi un anno dopo il grave incidente in Supermotard, Max Biaggi è tornato a guidare una moto, e lo ha fatto davanti ad un oceano di tifosi che ha colorato prati e tribune del tracciato del Mugello in occasione del GP d’Italia. In questo contesto, infatti, il sei volte campione del mondo Max Biaggi ha guidato la supersportiva elettrica di Energica in un demo lap  e carico di significati per il pilota romano.

Continua, infatti, la serie di giri dimostrativi della Ego Corsa, che il prossimo anno sarà protagonista in regime di monomarca della MotoE World Cup.

COME AI TEMPI DELLA MOTOGP - “È stato un giro di pista fantastico, come se avessi fatto un tuffo nel passato!”, ha dichiarato Biaggi dopo essersi cimentato sui saliscendi dello spettacolare Autodromo Internazionale del Mugello. “Fare il demo lap con centomila persone sugli spalti tutti colorati mi ha riportato alla mente i tempi in cui lottavo per la vittoria in MotoGP, con le varie tifoserie dei piloti poste tra le diverse curve del tracciato, tra le quali c’era la mia alla Casanova-Savelli”, ha aggiunto il sei volte iridato.

UNA LIBERAZIONE - Quando ho lasciato la corsia del box e sono partito alla volta della prima staccata, è stata quasi una liberazione: venivo da un anno di assoluto stop dall’uso di qualsiasi tipo di moto, dovuto all’incidente avvenuto il nove giugno dello scorso anno, quasi un anno fa. Questo demo lap è stato molto bello e magari perché no, da rifare!”

La prossima tappa del percorso di avvicinamento alla Enel MotoE World Cup 2019 si terrà tra due settimane al Circuit de Montmeló in Catalunya, settimo evento della stagione MotoGP. Energica annuncia che in questa occasione verrà inoltre testata una versione aggiornata del prototipo MotoE.