I rumors lo davano in un team satellite di Yamaha, invece il tre volte iridato in MotoGP affiancherà Marc Marquez nel 2019 e nel 2020.

Dopo due anni sulla ‘rossa’ di Borgo Panigale, dunque, Jorge Lorenzo tornerà in sella ad una moto giapponese. Ad annunciarlo è la stessa Honda, con un comunicato ufficiale.

“Dal 2019 Lorenzo sarà il compagno di squadra del quattro volte campione del mondo in MotoGP Marc Marquez: due grandi campioni con grande talento e l’auspicio elevato che renderanno pià forte il team e contribuiranno allo sviluppo di HRC”, dichiarano in Casa Honda.

TRATTATIVE VELOCI - Alla fine è arrivata, dunque, una combinazione inattesa. Si era parlato, infatti, di un possibile ritiro di Jorge Lorenzo, e anche di un suo proseguimento di carriera in un team satellite perché le squadre ufficiali erano tutte al completo. Invece è arrivato l’annuncio del divorzio di Honda e Pedrosa e, subito dopo, il matrimonio con Lorenzo.

L’accordo è arrivato al Mugello ed è stato suggellato il presidente della HRC, Yoshishige Nomura.

Sul tracciato toscano Lorenzo ha colto la sua prima vittoria con Ducati ma, come lo stesso spagnolo ha ammesso, è arrivata “troppo tardi” per impedire che la partnership con Ducati si interrompesse. Era infatti già stato annunciato dallo stesso Lorenzo che alla fine del 2018 non sarebbe più continuato il suo rapporto con Ducati.

Adesso nuove sfide attendono Jorge Lorenzo, che se in Ducati aveva come compagno di squadra un pilota del calibro di Andrea Dovizioso, in Honda si ritroverà a dividere il box con Marc Marquez. In due collezionano già sette mondiali in MotoGP. E di qui alla fine dell’anno potrebbero diventare otto, considerando la stagione in corso di Marquez. Per ora i rapporti fra i due sono ottimi. Ma chissà se rimarranno tali una volta che saranno compagni di box.