Una gara che si infiamma nel finale, quella di Brno, regalando badilate di emozioni. Protagonisti degli ultimi, combattutissimi, giri, Dovizioso, Lorenzo e Marquez, che mettono in scena un’accesa bagarre a colpi di sorpassi affilati, sciabolate e staccate assassine.

Al via, scatta subito forte Rossi, battaglia duro con Dovizioso ma è il ducatista a prendersi la prima posizione al termine del primo giro. Alle loro spalle, Lorenzo e Marquez fanno immediatamente pressing per non lasciare margine ai due davanti. Poi, giunti all’ottava tornata, come se si fossero dati appuntamento, in una frazione di secondo, Lorenzo passa Marquez e diventa terzo, Rossi svernicia Dovi e diventa primo. Nessuno allunga, però, e il gruppo rimane compatto: ancora cambi di posizione tra i quattro davanti e in testa alla gara, mentre Crutchlow e Petrucci seguono da vicino. Il tutto, in attesa che le gomme inizino inesorabilmente a cedere nella seconda parte del round.

Accantonata la prima metà dei giri previsti, la situazione vede Dovizioso davanti, seguito da Marquez, Crutchlow, Rossi, Lorenzo e Petrucci, tutti sufficientemente vicini per poter puntare ancora al successo finale. Poi, a 4 giri dalla fine, qualcosa scatta nel casco di Jorge Lorenzo. Lo spagnolo cambia improvvisamente ritmo e infilza in un colpo solo Marquez e Dovizioso. Andrea tiene a fatica davanti la sua Ducati numero 4, sfruttando un incrocio favorevole; ma i due iberici gli alitano sulfurei sul collo. L’ultimo giro si corre sul baratro dell’infarto. Dovizioso, però, tiene botta, resiste agli attacchi e impallina per primo la bandiera a scacchi con un colpo di bazooka .

Alla fine il podio si completa così: Dovizioso, Lorenzo, Marquez. A seguire, quarto, Valentino Rossi, che nel finale beffa Cal Crutchlow. Il pilota britannico deve accontentarsi della quinta posizione nonostante una prestazione coriacea e a dir poco generosa. Alle sue spalle, sesto, un convincente Danilo Petrucci, mentre Zarco, Pedrosa, Bautista e Iannone chiudono in questo preciso ordine la Top Ten. Da segnalare, infine, una carambola al primo giro tra Bradl, Vinales e Smith. Piloti a terra e gara finita per tutti ma per fortuna, nessuna conseguenza.

QUI tutti i risultati nel dettaglio.