I test privati di Aragon – gli ultimi della stagione – vanno in archivio con un bilancio decisamente positivo per Ducati: nella giornata di ieri, il terzo giorno delle prove, i due compagni del box ufficiale si sono sfidati a colpi di giri veloci. A prevalere a fine giornata è stato Jorge Lorenzo: il maiorchino ha siglato il crono di 1’47’’6, ovvero lo stesso tempo che era valsa la pole position a Viñales lo scorso anno. Inoltre, il record in gara del circuito appartiene già a Jorge Lorenzo, ed è di 1’48”120.

Trattandosi di un test privato, i tempi sono ufficiosi e non ufficiali, ma è trapelato anche il crono di Andrea Dovizioso, che si è assestato sull’1’48’’.

Davies infortunato - Nella giornata di ieri sulla pista di Aragon si trovava anche Chaz Davies, che si stava allenando con il Supermotard nella pista interna dell’autodromo. Il pilota Ducati Superbike è incappato in una caduta e le prime informazioni parlano di un nuovo infortunio alla spalla destra e di una leggera commozione cerebrale.

Gli altri test - Quella di ieri è stata l’unica giornata di test per Ducati, che è scesa in pista insieme ai piloti di Suzuki e KTM: insieme a Andrea Iannone e Alex Rins ha girato anche Sylvain Guintoli, mentre sulle RC16 si sono cimentati Bradley Smith ed il nuovo tester Randy De Puniet, essendo Pol Espargaro e Mika Kallio ancora infortunati.

Non avendo limiti grazie al regime di concessioni, i piloti di Suzuki e KTM erano scesi in pista anche il giorno precedente, condividendo la pista con i piloti Yamaha Valentino Rossi e Maverick Viñales e con Danilo Petrucci e Jack Miller del team Ducati Pramac.

La giornata di mercoledì, però, è stata meno proficua a livello di riscontri cronometrici per via della pioggia che si è abbattuta sul circuito la notte precedente, impedendo di sfruttare al meglio la mattinata.

Giudizio positivo, comunque, sia di Rossi che di Viñales su quanto entrambi hanno provato, e che derivava da scelte già effettuate nei test adriatici.