La sesta edizione del Master Camp Yamaha VR46 va in archivio con i volti sorridenti degli allievi, che nell’ultima giornata hanno potuto incontrare il loro pilota di riferimento: Valentino Rossi. I piloti che hanno preso parte alla settimana di Master Camp arrivano da angoli disparati del mondo: dalla Malesia Muhammad Aiman Bin Tahiruddin (16 anni) e Nazirul Izzat Bin Muhammad Bahauddin (18 anni), dall’indonesia Muhammad Faerozi Toreqottullah (15 anni) e dal Giappone Shota Yokoyama (16).

È stata una intensa settimana di allenamenti per i giovani piloti, che si sono destreggiati tra palestra, lezioni teoriche ed approfondimenti in varie specialità come il Flat–track con esperti e i piloti della VR46 Academy.

Nel quinto giorno di Camp, la consegna dei diplomi e l’incontro con Valentino Rossi, al quale si è aggiunto comunque il grande impegno insieme ad Andrea Migno e a Niccolò Antonelli per una sessione finale sulla pista del Ranch.

PRONTI PER IL FUTURO - È stato fantastico incontrare questi ragazzi”, ha commentato Valentino Rossi. “Il programma di questa edizione credo sia stato molto divertente con la possibilità per loro di sperimentare molte attività e specialità. Questa settimana è stata data loro la possibilità di imparare cose nuove e apprendere da maestri esperti, offrendo un’idea di come impostare il loro futuro agonistico.

“Hanno lavorato duramente e i riscontri sono stati positivi”, aggiunge Rossi. “Penso che questi ragazzi abbiano imparato molto e siano pronti per fare bene nei campionati dove correranno”.