Gara sfortunata per Jorge Lorenzo: partito dalla pole position, il pilota maiorchino è andato lungo alla frenata della prima curva, finendo sullo sporco, ed ha perso il posteriore cadendo dopo un highside. Rialzatosi zoppicante, Jorge è stato portato al centro medico del circuito dove gli è stata diagnosticata una lussazione al metatarso dell’alluce destro oltre ad una frattura composta del secondo metatarso.

I medici hanno quindi provveduto ad ingessare il piede destro di Lorenzo ma sono fiduciosi sul fatto che Jorge possa essere al via del prossimo GP di Tailandia, in programma sul circuito di Buriram dal 5 al 7 ottobre.

COLPA DI MARQUEZ - “Sono impotente e arrabbiato per quello che è successo, con il sorpasso di Marquez non ho potuto affrontare la curva come avrei voluto. Ho dovuto allagare, entrare nella zona sporca dove ho aperto il gas per non perdere troppo terreno e sono caduto”, racconta Lorenzo accusando il futuro collega HRC. “Vediamo se posso correre in Thailandia. La cosa che mi fa arrabbiare è che da fuori non si vede la manovra. Il suo è stato un sorpasso con blocco e per non perdere le posizioni ho dovuto dare potenza. Guardando le immagini sembra che sia colpa mia, un mio errore, ma non è così”.

Le cose con Marquez sembrano mettersi male prima ancora di diventare compagni di squadra. La mia gara è stata rovinata, come la mia possibilità di vincere”, commenta Lorenzo.”La fine del campionato adesso non sarà facile. Spero solo che Marc adesso venga ad accertarsi delle mie condizioni fisiche e a chiedere scusa. Non deve farlo più, senno sarò costretto a cambiare anche io il modo di guidare”.

“Credo che Marc sia recidivo con questo tipo di azioni: lui non si cura degli altri piloti e lo sa bene. Non ho intenzione di parlare con la Direzione Gara e spero solo che situazioni del genere non si ripetano più nel futuro”, conclude Lorenzo, in stampelle dopo la visita al centro medico. A zero punti a fine gara, il maiorchino scivola al quarto posto in classifica generale.