Il Chang International Circuit è la prima tappa della lunga trasferta asiatica della MotoGP e Valentino Rossi si dichiara ansioso di affrontare l’appuntamento thailandese e la prima gara della classe regina sulla pista di Buriram. Sarà tutto nuovo. O quasi, visto che proprio su questo tracciato si sono svolti i test ad inizio stagione.

“Dopo le gare in Europa è arrivato il tempo di andare in Thailandia”, commenta Rossi, reduce da un GP di Aragon dove è stato protagonista di un’altra grande impresa compiendo una rimonta in gara di ben dieci posizioni.

“A Buriram abbiamo fatto dei test nel precampionato a febbraio. Non è una delle piste preferite ma l’obiettivo è interpretare un ottimo GP e migliorare la nostra moto. Sarà anche una bella occasione per incontrare i tifosi asiatici, molto attaccati al MotoGP. Punto a lottare per il podio e ad iniziare nel migliore dei modi questa lunga trasferta”, conclude Rossi.

I TEST - Per il box di Iwata i test a Buriram in febbraio sono stati utili per raccogliere ii dati necessari e preparare al meglio un evento che è basilare per affrontare il successivo triplete composto da Motegi, Phillip Island e Sepang.

“Durante la pre-season abbiamo svolto degli importanti test su questo tracciato”, afferma Massimo Meregalli, direttore del team Yamaha. “In questo fine settimana avremo molto lavoro da fare; vogliamo da subito trovare un buon setting base in modo che i nostri piloti abbiamo le migliori sensazioni”.