Nel primo giorno di test a Valencia Danilo Petrucci ha debuttato sulla Ducati ufficiale e ha percorso 43 tornate, nonostante il maltempo. Con il miglior tempo in 1’32’’100, il ternano ha chiuso al nono posto, con un distacco di 684 millesimi dal crono più veloce della giornata, quello siglato da Maverick Viñales.

"Su un circuito come Valencia è sempre molto difficile vedere una differenza nei tempi”, ha commentato Petrucci. “Ci sono continue curve e fare bene 14 curve non è mai facile, soprattutto nei test. Ma ho visto che i tempi sono arrivati facilmente. E questo mi piace”.

 "Non abbiamo potuto provare ancora molte cose. Abbiamo iniziato con la mia moto dalla stagione 2018 e poi siamo passati alla nuova moto”, ha detto Petrucci. “Mi è piaciuta molto. Non è una rivoluzione, è un’evoluzione che non ha punti negativi", ha aggiunto.

COME VA LA DUCATI UFFICIALE - Poi Petrucci ha descritto le sue prime impressioni sulla moto di fabbrica. “Durante la guida ci sono piccole differenze, compresa la stabilità all'uscita di curva. Sembra che la moto sia più stabile, il che aiuta, soprattutto nel mio caso, perché uso molto la gomma posteriore. Sembra più stabile anche in frenata.

"Mi piace questa moto! Purtroppo non abbiamo provato molto e non abbiamo ancora iniziato a lavorare sulla nuova moto”, ha aggiunto il ternano.

Come rivelato da Speedweek.com, Petrucci non è sicuro di aver girato sulla GP19 definitiva: "Non so cosa stia testando Michele (Pirro, ndr)” ha detto. Abbiamo una versione 2019 che non so se sia definitiva. Ma come base funziona”, ha concluso ‘Petrux’.