È stato operato ieri allo scafoide della mano sinistra Jorge Lorenzo, che nella giornata di sabato, durante un allenamento di Dirt Track, mentre si trovava in Italia, aveva subito l'infortunio. Un primo controllo in ospedale e subito il maiorchino è volato a Barcellona alla clinica del Dottor Xavier Mir che nella giornata di ieri ha sottoposto il numero 99 neoacquisto del team Respol Honda ad un intervento. 

IL FERMO IMMAGINE - E stamani mattina Jorge ha pubblicato sui social una foto in cui parla proprio con l'angelo custode dei piloti spagnoli (a dicembre aveva operato anche Marc Marquez e altri connazionali). Nella foto il Dottor Mir mostra attraverso il cellulare alcuni dettagli dell'intervento: «Diamo un'occhiata – commenta Lorenzo – a come il Dr. Mir ha realizzato la mia operazione. Grazie di tutto!”

L'INTERVENTO - Ma come ha operato il Dr. Mir? A riportare il suo resoconto dell'intervento è Motogp.com che ha intervistato il medico: «La tecnica utilizzata è poco invasiva, lo scafoide è un osso che si risalda con difficoltà. Durante l'intervento abbiamo fissato con un chiodo particolare la frattura, questo chiodo permette al paziente di iniziare la riabilitazione soltanto dopo dieci giorni dall'intervento». 

«Adesso Jorge dovrà tenere il polso immobilizzato per quattro giorni, poi inizierà la riabilitazione. Poi, - ha proseguito - tra dieci giorni faremo un controllo e da lì potrà iniziare una riabilitazione più intensa per permettergli di essere pronto per i test in Qatar. Se ciò non fosse possibile, sicuramente sarà pronto per la prima gara del campionato». 


IL DUBBIO – Sono stati in molti ad aver notato che la mano che Jorge si è infortunato è la stessa (ovvero la sinistra) alla quale si era fatto male in Thailandia durante il secondo giorno di prove libere.Un caso? Chissà... Il Dottor Mir fuga ogni dubbio:”questa nuova frattura – ha concluso – non ha nessuna relazione con i precedenti infortuni, è semplicemente lo stesso polso che ha sofferto di due diverse lesioni.”