Bradley Smith comincia bene: nei test di Sepang il britannico ha siglato un ottimo crono, a solo un secondo di ritardo dal compagno di squadra Aleix Espargarò, che è stato il più veloce di 13 piloti in pista, mentre Andrea Iannone è rimasto ai box per un problema ad un dente. In Aprilia sono ‘superfelici’ del lavoro del nuovo collaudatore e hanno pianificato di fargli disputare cinque gare come wild card durante la stagione.

CINQUE WILD CARD - Il direttore tecnico Romano Albesiano, infatti, ha già annunciato che Bradley Smith sarà di nuovo in pista per i test ufficiali di Sepang, per quelli in Qatar e anche per la gara in notturna che si svolgerà sempre sul circuito del Qatar.

“Siamo superfelici del lavoro di Bradley ha dichiarato Romano Albesiano a Crash.net dopo i test. "Ha già dato un contributo molto positivo con il suo approccio ai test, la sua velocità, il suo feedback... tutto. Il programma è di fargli fare i test in Qatar ed in seguito di farlo correre come wild card in gara. Stiamo pensando a cinque wild card in totale per lui", ha aggiunto Albesiano.

IL CONFRONTO - "Il fatto di confrontare la sua prestazione con gli altri in un gran premio è il modo migliore per lui di rimanere ad un livello elevato e mantenere questo livello massimo di motivazione”, ha aggiunto Albesiano a proposito di Smith.
L'arrivo di Smith e di Andrea Iannone significa anche che Aprilia non ha fretta di trovare una squadra satellite.
"Penso che nel breve periodo non abbiamo bisogno di una seconda squadra e avere tre piloti molto bravi - come li abbiamo noi – penso che sia più che sufficiente", ha detto Albesiano, "Preferiamo la qualità dell'informazione, alla quantità. E penso che la qualità che stiamo ottenendo quest'anno sia assolutamente di alto livello e questo è il primo mattone per andare verso l’alto”.

LO STATO DEI FATTI - Albesiano ha poi fatto il punto sui test. “Sono stati tre giorni molto positivi”, ha detto. “Siamo ripartiti dai risultati che avevamo riportato dei test a Jerez lo scorso novembre, dove avevamo trovato dei punti interessanti, e li abbiamo confermato qui con Bradley e con Aleix. E’ un cicolo che si chiude dopo un processo lungo e complicato. E’ molto positivo perché signiica che il sistema sta andando e che il nostro test team sta facendo un lavoro di ottimo livello.

“Una moto da corsa non è mai finita, ma penso che abbiamo un’ottima base per iniziare la stagione. Sia per il telaio che sul fronte dell’elettronica, abbiamo fatto passi avanti. Per il motore faremo un ulteriore passo avanti prima dell’inizio della stagione. La competizione sarà ancora più dura quest’anno, quindi non sappiamo ancora se basterà. Vedremo…” conclude Albesiano.