Un primo impatto soddisfacente. C'era molta attesa in casa Yamaha per capire se il progetto M1 fosse ancora competitivo. La risposta arrivata dalla prima giornata di test a Sepang è stata positiva. Terzo Vinales e sesto Valentino Rossi, a poco più di quattri decimi dal solito Marquez, inarrestabile anche dopo l'intervento alla spalla e il periodo di convalescenza.

SENSAZIONI - Valentino era piuttosto sorridente: «Il primo giorno è stato abbastanza positivo perché ho avuto un buon feeling con la moto fin dall'inizio e sembra che anche con la gomma usata, che è il nostro punto debole, non siamo male. Oggi abbiamo provato qualcosa che ha migliorato un po' le prestazioni, ma dobbiamo continuare a lavorare perché abbiamo bisogno di qualcosina in più. Iieri ho parlato molto con gli ingegneri e hanno delle buone idee, c'è una buona atmosfera. Inoltre cercano di migliorare la cosa giusta». Il Dottore è apparso molto soddisfatto del metodo di lavoro: «A Valencia e a Jerez avevamo delle piccole cose. Qui ne abbiamo altre più importanti e sono felice del modo in cui abbiamo parlato con gli ingegneri e con Maverick, perché andiamo tutti nella stessa direzione. Siamo d'accordo sui punti deboli della moto e ora dobbiamo lavorare per risolverli».

TRACCIATI - Sepang tuttavia è una pista dove la M1 è sempre andata molto bene. Ci vorranno altri tracciati per affrontare e risolvere i problemi veri: «Qui eravamo stati veloci, quindi abbiamo dei dati interessanti con cui confrontarci. Dall'altra parte è anche vero che poteva essere importante provare su una pista dove eravamo più in difficoltà. Quest'anno ci saranno solo due test, qui ed in Qatar, che comunque sono due piste dove siamo sempre andati forte. Anche se andremo fortissimo, non bisognerà essere super ottimisti, bisognerà aspettare di vedere come andiamo sulle piste dove abbiamo avuto più problemi. Però in generale il feeling con la moto è buono».

MICHELIN - Dopo aver scelto il motore, che a suo dire è quello su cui Yamaha dovrà lavorare per aumentare un po' di più la spinta, domani Valentino proverà anche delle novità della Michelin: «Abbiamo delle gomme da provare sia davanti che dietro, ma le proveremo domani. Oggi abbiamo lavorato più per noi, ma penso che alcune soluzioni sulla carta possano essere interessanti, quindi sono curioso di provarle».