«Lavoriamo tutti nella stessa direzione». Aveva detto così Valentino Rossi dopo la prima giornata di test a Sepang. Nel secondo giorno le cose sono andate abbastanza bene. Il guizzo nel finale di Maverick Vinales fa ben sperare la casa di Iwata: 1'58'897, primo pilota a scendere sotto 1'59'' e soprattutto sotto anche al record di Lorenzo nei test della scorsa stagione. Insomma, la M1 sa essere ancora veloce. Almeno nel modo in cui la guida Vinales, primo anche nel passo.

LAVORO AI BOX - E Valentino Rossi come è andato? Sesto tempo finale a poco più di 7 decimi dal compagno di squadra. Il Dottore ha lavorato molto sull'assetto, è sceso in pista anche con la seconda moto per poi rientrare dopo aver provato alcune soluzioni sulle gomme che non lo hanno convinto. Oggi Michelin avrebbe portato in pista alcune novità e Rossi ieri si era detto incuriosito proprio da questo aspetto.

LE ALTRE - Piccola scivolata in mattinata per Franco Morbidelli che tuttavia a fine giornata è riuscito a migliorarsi stampando il 15esimo tempo finale. Quartararo è stato uno dei primi a scendere in pista in mattinata, alla fine della giornata di pochi millesi è riuscito a stare davanti al compagno di squadra, in 14esima posizione.

VALUTAZONI - Non è certo Sepang la pista che può dare risposte definitive alla Yamaha, e inoltre vanno considerati diversi aspetti, come le non perfette condizioni fisiche di Marquez, l'assenza di Lorenzo e il lavoro sul passo gara condotto da Ducati con Dovizioso e Petrucci. Ma stare lì davanti fa morale.