Ha compiuto 40 anni poco meno di un mese fa, più della metà passati su una pista. Valentino Rossi sorride ai nastri di partenza del Motomondiale 2019: «I 40 anni sono un momento importante, questo è come il primo giorno di scuola, è interessante rivedere tutti i ragazzi del paddock, i nuovi colori delle moto, questa griglia di partenza sembra avere una forza incredibile, tutti i piloti sono stati veloci, di solito i weekend di gara sono un po' diversi, ma mi aspetto di vedere tutti i piloti ufficiali al vertice, la Yamaha ha lavorato sodo durante l'inverno». Losail è una pista che gli piace: «Negli ultimi anni ho sempre ottenuto buoni risultati in Qatar, quindi dobbiamo provarci. Tuttavia pensando al momento attuale, ci sono 7-8 piloti che possono salire sul podio, quindi dobbiamo capire le condizioni di aderenza e del vento».

POTENZIALITA' - Tra i piloti in conferenza c'è anche il giovane Fabio Quartararo . Il Dottore scherza sulla differenza di età: «Potrebbe essere mio figlio? Questo mi dispiace molto (sorride, ndr). Fabio è molto giovane, è più giovane persino di mio fratello Luca. Quest'anno ha una buona occasione per dimostrare le sue capacità». Vinales e Rossi hanno un'idea diversa sulle potenzialità della Yamaha. Valentino però si dà ancora tempo: «In questo weekend potremmo farci un'idea migliore delle potenzialità della Yamaha, sotto alcuni punti di vista è migliorata, ma ci sono altri punti su cui bisogna ancora migliorare. Nell'ultimo giorno di test abbiamo visto molte Yamaha nelle prime posizioni. Forse sarà meglio parlarne dopo almeno 5-6 gare».

AVVERSARI - Il team Honda sulla carta sembra la squadra da battere: «Sarà molto interessante vedere Marquez e Lorenzo insieme, quando ci sono due grandi campioni nella stesa squadra ci sono vantaggi e svantaggi, ma di solito i vantaggi superano gli svantaggi, quindi sarà difficile batterli». Infine una battuta sull'orario della gara (nei giorni scorsi si era parlato di un anticipo): «Cambiare l'orario della gara? Per me gareggiare alle 19 (ora locale, ndr) andrebbe bene».