Hanno fatto il loro primo ingresso in pista i piloti della classe regina per la stagione 2019 che ha preso ufficialmente il via oggi in Qatar. Un primo giorno di scuola emozionante per tutti tra nuovi piloti e cambiamenti di casacche. E se le novità ci sono e si vedono, quello che resta sempre una costante è Marc Marquez che in questa prima giornata, tenendo in considerazione la classifica dei tempi combinati è stato il più veloce in 1:53.380.

Un tempo, quello dello spagnolo, che va subito a segnare il nuovo record della pista: e meno male che ha detto di essere soltanto al 90% delle sue prestazioni fisiche. Il numero 93 si è spartito la giornata, però, con Valentino Rossi che è stato il più veloce delle Fp1, ma che poi ha faticato nelle Fp2 con temperature molto inferiori, riuscendo a conquistare soltanto un 17esimo posto.

E' stata una prima prova molto interessante quella del Qatar con un mix di case motociclistiche che si sono alternate in classifica: Yamaha ufficiale e satellite, Honda, Ducati e Suzuki. Segno che la gara di domenica potrebbe riservare davvero belle sorprese con molti piloti che potrebbero giocarsi la vittoria e il podio.

PROVE LIBERE 1 – Valentino Rossi perde il pelo ma non il vizio facendo un esordio stagionale col botto nelle Fp1. E' suo il miglior tempo registrato in 1:55.048. Le prove libere 1, sono state caratterizzate fin da subito dal solito Marc Marquez che, salito in vetta pochi minuti dall'inizio delle prove, ha martellato a suon di giri, tempo su tempo per tutti i 45 minuti a disposizione. Ma il time attack non gli ha dato scampo ed è stato beffato prima da Valentino Rossi e poi dal suo nuovo compagno di squadra Jorge Lorenzo. All'appello,nella top ten, non è mancato nessuno dei big: alle spalle di Vale si è piazzato Jorge Lorenzo in 1:55.127, terzo Marc Marquez in 1:55.164. Al quarto e quinto posto doppietta Ducati con Andrea Dovizioso in 1:55.217 e Danilo Petrucci in 1:55.267, seguiti dall'altro pilota Yamaha Maverick Vinales che non è riuscito ad andare oltre il sesto tempo (1:55.312). Un bellissimo settimo posto se lo è preso Franco Morbidelli al suo esordio in sella alla Yamaha satellite del Team Petronas SRT che ha girato in 1:55.324, mentre Jack Miller con Ducati Pramac è arrivato ottavo in 1:55.396. Il nono posto, invece, se lo è accaparrato Alex Rins (1:55.409), mentre ha chiuso al decimo posto della classifica Takaaki Nakagami in 1:55.496.

PROVE LIBERE 2 – Sono state però le Fp2 ha decretare il più veloce della giornata, grazie alla classifica dei tempi combinati:nonostante quindi Valentino Rossi sia stato il più veloce del primo pomeriggio, è stato Marc Marquez a portarsi a casa lo scettro di più veloce della giornata in 1:53.380. Anche Maverick Vinales ha girato molto veloce (1:53.854) portandosi in seconda posizione seguito a ruota dall'australiano del team Alma Ducati Pramac Jack Miller. La Ducati ufficiale di Danilo Petrucci è invece arrivata quarta (1:54.053), quinto a sorpresa anche se era già andato molto bene nei test ufficiali Fabio Quartararò (1:54.154), sesto si è piazzato invece Andrea Dovizioso in 1:54.256. In settima posizione ha confermato la bella prestazione della mattina Franco Morbidelli ( 1:54.275), ottavo Alex Rins in 1:54.320 che ha preceduto Aleix Espargarò, unica Aprilia nelle prime dieci posizioni e il rookie Joan Mir. Questa volta Jorge Lorenzo ha ottenuto soltanto l'11esima posizione mentre Valentino Rossi la 17esima.

Sembra che domenica la gara potrebbe essere anticipata alle ore 17:00 italiane.