Maverick Vinales esce dalla gara in Argentina con il dispiacere per la caduta all'ultimo giro, ma anche per non aver girato come avrebbe voluto.
Partito dalla prima fila infatti, ha fatto fatica per riuscire a girare con i più veloci perdendo un secondo rispetto al miglior passo.
Lo spagnolo con il numero 12 è stato anche l'unico a fare un azzardo sulle gomme: sul circuito di Termas de Rio Hondo è sceso con la doppia morbida a differenza di tutti gli altri avversari equipaggiati con dura avanti e media o morbida al posteriore.
Sembra quindi che la sua scelta non abbia pagato, ma per lui non è così.

L'ANALISI - “Nel warm up avevo il ritmo per girare con Marquez, in gara ho perso un secondo rispetto al miglior tempo.” - ha dichiarato il pilota del team Yamaha.
Qual'è stato quindi il problema del numero 12?
“Sicuramente le mescole morbide sono state la cosa migliore, - ha proseguito - ma non sono partito bene, mi hanno superato molti piloti anche se alla fine del primo giro ero terzo o quarto. Non così male quindi. La moto però non era perfetta e dobbiamo lavorare ancora molto per risolvere i problemi per la prossima gara.”

INCIDENTE CON MORBIDELLI – Di certo, anche la fortuna non è stata dalla parte di Vinales in Argentina, dato che, durante l'ultimo giro, Franco Morbidelli (Team Petronas Yamaha SRT) senza volerlo lo ha tamponato mettendolo fuori gara:”ho visto il replay – ha concluso Maverick – non è stato nulla. Era l'ultimo giro e si tenta di dare il massimo, solo un errore di pista che magari la prossima volta potrei commettere io.”