“Oggi, 15 anni fa, grazie a LCR Honda ho esordito nel campionato del mondo Motogp, un grazie speciale a Lucio Cecchinello che ha creduto in me.”
Con queste parole Mattia Pasini ha voluto ricordare un evento importante della sua carriera pubblicando un post e una foto su Instagram che lo ritrae giovanissimo insieme a Lucio Cecchinello.
Una data importante per la carriera di Pasini che quest'anno, sfortunatamente, si è ritrovato senza una sella e che è andato a fare le telecronache di Moto3 e Moto2 per Sky Sport Motogp.
Per il Granpremio di Austin ha però sostituito Augusto Fernandez, pilota del team Flexbox Hp di Sito Pons ottenendo un quarto posto in classifica.
Segno che Mattia potrebbe dare ancora molto alla Moto2, dato che è tornato in pista dopo l'ultimo Gp di Valencia 2018 e senza aver mai provato la nuova moto2 con il propulsore Triumph.

OTTIMO LAVORO - “Sono partito come un missile - ha raccontato il Paso dopo la gara texanasolo che dopo, fuori dalla 11, mi è partita la moto. Ad inizio gara soffrivo un po' il pieno e avevo perso un po' di posizioni, mi ha passato Corsi, mi ha passato Binder e mi sono detto, ok, devo stare calmo e prendere il mio ritmo. Quando poi ho visto che un po' per volta guadagnavo ad Alex Marquez mi sono detto di stare concentrato e giro dopo giro sono arrivato a mezzo secondo dal podio. Considerando che è la quarta volta che salgo in moto, devo dire che abbiamo fatto un ottimo lavoro.”

IL FUTURO – A partire dal prossimo Gp di Jerez, sembra che il pilota italiano dovrà tornare a commentare le gare dietro ad uno schermo, sempre che qualche team non decida di includerlo nuovamente, anche se ci auguriamo sia non solo per una sostituzione ma per l'intero campionato.
Oggi però il ricordo va tutto a quel 2004, a quando il pilota di Rimini gareggiò per la prima volta in classe 125 terminando la stagione in 15esima posizione iridata.