Fabio Quartararo avrà anche al Sachsenring un asso nel taschino della tuta? Nelle ultime gare, il giovane 20enne ha dimostrato di saperci davvero fare e sembra che i problemi dell'M1 che i suoi colleghi spesso riscontrano nelle prove e in gara, a lui non lo riguardino.
O meglio, il francese, sta guidando davvero molto bene riuscendo a compensare le carenze della Yamaha. Il circuito tedesco sarà però un banco di prova difficile per “el diablo” Quartararo, ma lui si sente ottimista.

SONO IMPAZIENTE - ”E' bello tornare in gara, - dice l'alfiere del team Yamaha Petronas - Assen è stata una gara molto positiva, avevamo un passo buono e sicuramente arrivare in una nuova pista con la motogp mi fa guardare con impazienza a questo weekend. Se guardiamo alle gare degli utlimi anni la Yamaha, qui, è andata forte. In ogni caso in tutte le piste la moto ha funzionato bene quindi spero vada bene anche qui.”

AVAMBRACCIO DOLORANTE - Quartararo parla poi del suo avambraccio che ha subito l'operazione a causa della sindrome compartimentale:”ad Assen ho sofferto da metà gara fino alla fine e avere due gare consegutive non è il meglio, ma questa è una pista dove la maggior parte delle curve sono a sinistra e ad Assen mi sono riposato un po' in quel tipo di curve quindi speriamo che vada bene.”

SULLA MOTOE - Anche a Fabio, in conferenza stampa, è stata posta la domanda su cosa ne pensa del campionato MotoE:”è una categoria diversa però penso che sia un'opportunità per i piloti, è un altro tipo di moto da guidare ma il rumore delle nostre moto è troppo bello.”