Taglia il traguardo a braccia conserte dopo una gara vissuta in solitaria, gestita in testa dall'inizio alla fine. Nessun duello, nessun sorpasso, nessun rischio. Marc Marquez porta a casa la decima vittoria al Sachsenring, 57 pole position in carriera, una sola di distacco da Mick Doohan. E' la sua pista (ma cominciano a essere un po' troppe) e lo ribadisce con forza. Lo spagnolo viaggia indisturbato verso l'ottavo mondiale in carriera, nessuno oggi è in grado di contrastare il suo dominio. Non c'è pista, condizione atmosferica, scelta delle gomme, situazione in gara che non lo veda protagonista.

GARA - Una leggera impennata in partenza sembrava potesse fargli perdere qualche decimo, ma è stata solo un'illusione, Marquez non ha fatto sconti, alla prima curva era già davanti a tutti e nei primi giri ha staccato subito il combattivo Vinales, secondo alla fine sul traguardo, oltre a Rins (fuori per una caduta) e Crutchlow (terzo), che hanno provato a tenere viva la gara, cioè l'altra gara, quella da Marquez in giù. Le Ducati? Quarta e quinta con Petrucci, fresco di rinnovo, e Dovizioso, che alla fine perde il duello con il compagno di squadra e tanto terreno nella classifica iridata. Ottavo Valentino, che forse nel finale ne aveva un po' di più di chi gli stava davanti (Miller e Mir) ma che non ha mai trovato il guizzo. Ottimo il terzo posto di Crutchlow, solo un errore nel finale gli nega la possibilità di giocarsi il secondo gradino del podio con Vinales, il migliore delle Yamaha in pista. Finisce fuori Quartararo dopo pochi giri oltre a Zarco en Alex Espargaro, solo nono Morbidelli, davanti a Stefan Bradl, che sostituiva Lorenzo.

CLASSIFICA - Maqruez adesso è a 185 punti contro i 127 di Dovizioso e 121 di Petrucci. Ha 12 punti in più sul secondo rispetto alla scorsa stagione allo stesso punto del Mondiale, un dato piuttosto impresssionante considerando l'inizio di stagione della rossa. Ma al di là dei punti, sono i 16 secondi di distacco a preoccupare. Il Sachsenring non era una pista adatta alla Ducati, ma Marquez è scappato via e probabilmente anche la Honda.