Il Red Bull Ring è un circuito notoriamente favorevole alle Ducati, che qui hanno sempre vinto da quando, nel 2016, il tracciato di Zeltweg è stato reinserito nel calendario iridato. E se Dovizioso ha mantenuto la sua tradizione di piazzarsi in prima fila nel GP d’Austria, conquistando il terzo tempo, il suo compagno di squadra Danilo Petrucci domani prenderà il via dalla dodicesima casella in griglia.

Dopo aver dimostrato di aver un buon passo nella FP3 di questa mattina, chiusa in quarta posizione, il pilota umbro è scivolato, fortunatamente senza conseguenze fisiche, nel corso della Q2 mentre stava migliorando il suo crono e non ha potuto continuare.

UNA MOTIVAZIONE IN PIU’La caduta, e la rimonta che gli si profila davanti, non scoraggia Danilo Petrucci, anzi, gli dà una motivazione in più per recuperare domani.

“Ovviamente sono molto dispiaciuto per la caduta in Q2, anche perché oggi avevamo dimostrato di avere un buon passo”, ha dichiarato ‘Petrux’, che ha già una strategia.

Partire così indietro sicuramente non ci aiuterà e dovrò cercare di recuperare posizioni nei primi giri. Con la squadra avevamo lavorato bene, ma chiaramente la caduta ha complicato le cose: stavo spingendo molto, ho fatto un errore e sono scivolato”, riconosce Petrucci.

“Peccato, ma adesso sono molto motivato: come ho detto abbiamo un buon passo e oggi sono stato veloce anche con il caldo, e questo mi dà fiducia per domani”.

.