La gara austriaca che ieri è stata protagonista al Red Bull Ring di Spielberg è stata ricca di tanti colpi di scena, non solo per le battaglie in pista della classe regina e di quelle delle due categorie minori, ma anche per KTM che nel suo circuito di casa non ha registrato grandi risultati se non con la vittoria di Brad Binder in Moto2, ma ha dato una scossa significativa al mercato 2020.

LE NOTIZIE – In primis, nella giornata di ieri è arrivata la notizia che dal prossimo anno KTM non sarà più fornitore di telai in Moto2, ma continuerà la sua collaborazione con il team Red bull KTM Ajo senza però fornirgli telaio e motore.
Quello che vuole fare la Casa austriaca, dalla spiegazione del Direttore KTM Motorsport Pit Beirer, è concentrarsi di più in Motogp dato che si stanno avvicinando ai loro avversari, ma ancora senza riuscire ad ottenere risultati che contano, e continuare con l'impegno in Moto3 per riuscire a far crescere talenti.
L'idea sarà anche quella di ampliare il progetto Moto3 con due piloti nel team ufficiale e di far rientrare sempre nella categoria minore Husqvarna.

C'E' DI PIU' – Questo però non è stato abbastanza per KTM che a metà giornata ha detto di avere un'altra notizia da dare. Notizia che un po' già si respirava nell'aria e che gli austriaci hanno confermato concedendo la rescissione del contratto a fine anno a Johann Zarco.
La decisione è stata presa di comune accordo da parte di entrambi a causa dei risultati deludenti del francese che a sua volta non ha mai nascosto di trovarsi bene con la moto e il team.
Ancora ci sarà da capire chi sarà il sostituto dal 2020 di Zarco, alcune voci parlano di Jack Miller che però sembra intenzionato a restare in Ducati Pramac dove è molto ben visto e voluto da tutto il team.

“VOGLIO CORRE CON IL SORRISO” - A parlare dopo questa decisione è Johann Zarco che adesso dovrà anche capire quale sarà il suo futuro:”è ufficiale – dice – non farò più parte dell'avventura con KTM dalla stagione motogp 2020. E' stata una decisione difficile da prendere, ho la possibilità di fare il mestiere più bello del mondo e voglio farlo con il sorriso e correre per il podio. In ogni caso, come un vero professionista, resterò concentrato per il resto della stagione 2019 dando il meglio di me e cercando di migliorare ancora il mio stile di guida.”