Quando si corre a casa le aspettative sono sempre molto alte, sia da parte dei tifosi che dagli addetti ai lavori. Lo sa bene Danilo Petrucci che a Misano arriva, da quarto in classifica generale a pochi punti da Rins, con un obiettivo preciso, ripetere l'exploit del Mugello e scrollarsi di dosso tutte le insicurezze riaffiorate dopo la pausa estiva, quando paradossalmente aveva già in tasca anche il rinnovo con la Ducati.

ALTI E BASSI - La sua stagione è stata caratterizzata da alti e bassi e un po' di sfortuna. Ora che la corsa al titolo per la Ducati si è fatta impossibile, Danilo ha le mani libere per farsi valere e apprezzare. Misano, dove due anni fa sfiorò la vittoria, può essere l'occasione giusta pe riprendersi quel terzo posto in classifica generale che per sua stessa ammissione lo aveva messo sotto pressione.

COME UNA FINALE - L’ottavo posto di Brno, il nono in Austria e il settimo in Gran Bretagna hanno frenato la sua corsa, ma nelle ultime gare a disposizione può piazzare la zampata, anche perché nemmeno Dovizioso è poi così lontano (172 p. Vs 145 p.). La pista di Misano non è facile per la Ducati come il Mugello, ma Danilo ci proverà. La testa adesso è sgombra, il fisico risponde bene agli allenamenti, gli ultimi test hanno detto che a Borgo Panigale si sta lavorando per finire il campionato in crescita. Manca solo un pizzico di convinzione da ritrovare in pista per mettere un po' di pepe a questo finale di stagione.