Gara quasi “scontata” quella di Aragon con Marc Marquez che come aveva annunciato da venerdì, è arrivato a prendersi la vittoria nella terza gara spagnola dell'anno.
Una partenza perfetta e un allungo sugli avversari fin dal primo giro lo ha portato a vincere la sua 200esima gara con un vantaggio di quasi 5 secondi su Andrea Dovizioso, secondo alle sue spalle.

MARC LO STRATEGA - Quella di Marquez è stata una strategia studiata nel dettaglio in quanto a gomme: al contrario della gran parte dei suoi avversari ha montato su la gomma soft con l'unico obiettivo di partire bene e lasciare solo la polvere dietro di sé.
E così è stato:”ero convinto della mia strategia – ha detto - e già uscendo dai box mi sono sentito subito bene, convintissimo di quello che avrei potuto fare ho spinto fin da subito. Mi sono tenuto quel di stacco di quattro o cinque secondi senza spingere di più e poi ho visto che Vinales era veloce quindi anche io ho spinto per qualche giro, però la distanza tutto sommato c'era.”

SEMBRA FACILE MA... – Con la naturalezza con il quale il talento di Cervera porta a compimento queste gare in modo perfetto, sembra quasi che tutto sia facile, ma non è così:“sono molto felice, - ha proseguito -sembra sempre facile ma dietro tutto questo c'è tanto lavoro. Venerdì siamo anche caduti, quindi stiamo spingendo. Dovizioso non rinuncia mai, è stata una bella gara e sono stato felice di essere qui davanti ai fans e vicino a casa.”