Valentino Rossi ha poca voglia di scherzare dopo la gara di Aragon nella quale è riuscito a piazzarsi in ottava posizione a ventitre secondi dal primo classificato Marc Marquez.
Una giornata “no” per le Yamaha che si sono viste sorpassare durante la gara dalle due Ducati di Dovizioso e Petrucci costringendo Vinales alla quarta piazza e Quartararo alla quinta.
Dopo Aragon, quindi, ci sarà da capire cosa è andato storto, prima di ripartire per la lunga trasferta extra continentale.

“MANCAVA IL GRIP” - E' Valentino Rossi, quindi, ad analizzare la sua gara:”è stata difficile – dice ai microfoni di Sky – sapevo che non sarei stato fantastico e di fare fatica per il podio, ma speravo comunque di andare meglio di come è andata. Come ci succedeve molte volte, specialmente nelle ultime gare, abbiamo avuto problemi con il grip sul posteriore, siamo partiti con la gomma hard come le altre Yamaha e anche loro hanno avuto lo stesso problema che ho avuto io però a cinque giri dalla fine, io invece l'ho avuto dopo cinque giri.
Quindi è stata una gara difficilissima, ho dovuto rallentare tanto ed è stata dura speravo di andare meglio.”

LAVORO COSTANTE – Rossi, però, non si arrende di certo e il lavoro sull'M1 è l'unica cosa che gli interessa:“dobbiamo capire il perchè e cercare di lavorare meglio – prosegue - perchè soffriamo sempre con questo grip dietro, questa storicamente è una pista difficile ma alla fine vince sempre lei. Nelle ultime gare Maverick e Quartararo vanno più veloci, riescono a guidare meglio, riescono ad avere più grip, invece io faccio più fatica, quindi continueremo a lavorare, cercheremo di capire da qui alla fine come fare. L'anno scorso in Thailandia è stato un bellissimo weekend perchè avevo fatto il secondo tempo, poi alla fine in gara siamo arrivati tutti attaccati e non sono riuscito a salire sul podio per poco, però ero veloce quindi vediamo se quest'anno riusciremo ad andare meglio.”