1 di 3

Marc Marquez - Festeggia con una indiscutibile vittoria il suo Gp numero 200. Nel week-end fa vedere di tutto: dalle prestazioni monstre in FP1 al capire la situazione in qualifica quando non esagera. In gara scatta, controlla, festeggia. La cosa che lo preoccupa di più è la gara del fratello, seguita con apprensione in TV.  Inavvicinabile 10 

Andrea Dovizioso - Lucido e precisissimo va sul podio con lussuosa eleganza nonostante una qualifica mediocre. Non sbaglia una molecola e fa vedere di saper gestire tutto, gomme comprese. Se non ci fosse Marquez parleremmo di un pluricampione che il Mondo ci invidia. Maiuscolo 9

Jack Miller - Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo: spettacolare, coriaceo, capace di dare la sveglia alle Ducati in qualifica e di gestire la gomma in gara. Cambiando mappatura al momento giusto. Non fa un errore e conquista un altro podio. Cavallo saggio 9 

Maverick Viñales - Il motore Yamaha è troppo aggressivo e costringe Maverick e gli altri a scegliere la hard posteriore. Imposta la gara per essere forte nel finale, ma la prestazione non c’è, il podio neppure. Vittima della gomma 7 

Valentino Rossi - Patisce più degli altri la Hard al posteriore e va in crisi dopo pochi giri. È alla ricerca di un bilanciamento migliore ma intanto prende un secondo al giro dal vincitore, non vince un duello e arriva a 13 secondi dall’Aprilia. Una domenica disastrosa per il morale. Disastrato 4,5

Fabio Quartararo - Il fulmine di Misano ha le polveri bagnate. Anche il francese deve girare con la hard e non incanta. Ogni tanto bisogna ritornare a volare bassi. Però non chiude con un distacco abissale e fa vedere di saper gestire anche le situazioni non ideali. Affidabile 7-

Cal Crutchlow - Buon sesto posto e tante battaglie in mezzo ad una gara che può essere catalogata come positiva, soprattutto per il distacco ragionevole da Marquez che gli rifila 10 secondi e poco più. Positivo 7

Aleix Espargaró - Gara capolavoro, sua e di Aprilia su una pista perfetta la moto italiana, preceduto da una ottima qualifica. All’inizio soffre per il serbatoio pieno, poi controlla la situazione con positività. Finalmente un buon week-end per il catalano e il team italiano. Happy Days 8 

1 di 3