Il Gran Premio di Le Mans della classe Moto2 ha dimostrato che Franco Morbidelli è maturato ed è pronto a giocarsi questo mondiale fino alla fine. Se la pole position gli era sfuggita per un decimo, la sua gara è stata praticamente perfetta. Scattato benissimo al via, ha sorpassato Bagnaia alla prima S e Luthi subito dopo. Lo svizzero gli è rimasto incollato agli scarichi e all’ottavo giro è infuriata la battaglia.

C’è stato un corpo a corpo prolungato tra i due, finché alla curva 6 Luthi non ha voluto cedere la linea migliore, è rimasto vicino a Morbidelli finché ha potuto ed è andato largo, trovandosi quarto dietro a Marquez e Bagnaia.

A quel punto la gara ha preso tutta un’altra piega, con Morbidelli che ha guadagnato un piccolo margine di circa 7 decimi sul gruppetto degli inseguitori e lo ha mantenuto fino alla fine della corsa, rintuzzando gli attacchi di Bagnaia a suon di giri veloci e registrando anche il nuovo record della pista. Alle sue spalle, a cinque giri dalla fine Luthi è riuscito a superare Marquez che per tutta la gara ha dovuto fare i conti con il dolore causatogli dalla frattura al piede. In questo modo lo svizzero ha limitato i danni, ma in ogni caso Morbidelli ha ora 20 punti di vantaggio su Luthi e 38 su Marquez.

qui i risultati completi